Articoli

Orizzontalizzazione del Nasdaq piuttosto che che crollo: ora sono più sereno

Orizzontalizzazione del Nasdaq piuttosto che che crollo: ora sono più sereno

Pubblicato Gio 04 Marzo 2021 - 22:30 da Emilio Tomasini Tag: Borsa

 

Mi aspettavo di peggio.

 

Ed invece il Nasdaq ha tenuto.

 

Correntemente si dice che un ritracciamento è del 10%, l'inizio del ribasso dopo il 20%.

 

Se un indice USA perde il 5% non è niente di niente, un leggero tremolio sotto i massimi.

 

Come potete vedere dal grafico qui sotto noterete che l'indice Nasdaq ha toccato un supporto costruito su 5 massimi e minimi precedenti.

 

E qui ha avuto una prima reazione.

 

 

 

Se oggi a mezzogiorno ero molto preoccupato ora sono molto più sereno.

 

Dopo un anno di massimi e minimi crescenti un po' di orizzontalizzazione non fa male al mercato azionario.

 

Tenete conto che chi come me ha iniziato ad occuparsi di Borsa negli anni '90 fa sorridere sentire parlare dei timori dei mercati relativamente al rialzo dei tassi USA.

 

Per anni anzi per un decennio i tassi USA sono stati alti e ogni volta che li alzavano il mercato azionario crollava per 5 giorni e poi ripartiva.

 

Quindi diciamo che sono pronto a guardare lo stesso copione.

 

Nell'articolo di oggi vedremo insieme alcune azioni selezionate attraverso il metodo del Sequential di Thomas Demark.

 

Se è vero che il mercato orizzontalizza o riparte in ogni modo trovare le azioni italiane che sono in punto di inversione ciclico è assolutamente interessante.

 

Ma cosa sarà mai questo Sequential e come funziona?


Brevemente, questa tecnica prende il suo nome dal fatto che classifica le azioni sulla base di diverse condizioni che devono verificarsi in sequenza, determinando così l'operatività da adottare di volta in volta.

 

Si tratta insomma di un indicatore di massima che segnala la fine di un ciclo e che quindi preannuncia qualcosa di nuovo in arrivo.

 

E' chiaro che non possiamo usare solo il Sequential per decidere quando e cosa comprare, ma statisticamente è dimostrato che funziona e che la sua equity line (la somma dei profitti) è crescente.

 

Dopo avere fatto una selezione sulla base del Sequential i passi per decidere di acquistare restano però sempre loro: valutazioni di analisi tecnica e analisi fondamentale.

 

La fine del ciclo è indicata dal Sequential con la barra numero 13, che andrà a chiudere il vecchio percorso e ad aprire la strada al nuovo.

 

A dare ancora maggiore forza alla barra del 13, poi, c'è la confluenza generale sia mensile sia settimanale sia giornaliera.

 

Questa importante tecnica, insomma, ci è utile per scremare le azioni e, se non può dirci quando comprare e quando vendere, ci indica la retta via facendoci capire almeno da che parte stare.

 

 

AZIONI AEROPORTO MARCONI: Come vediamo dai grafici la confluenza non è il massimo, ma segnaliamo comunque il raggiungimento, per ora, della decima barra sul mensile datata fine febbraio. Più indietro, invece, un 12 sul settimanale, ma parliamo di gennaio. Per l'aeroporto di Bologna, ovviamente, il 2020 è stato un anno tragico a causa delle misure restrittive messe in atto per contrastare la diffusione della pandemia. Nel corso dell'anno i passeggeri sono calati del 73,4% rispetto all'anno precedente . I mesi peggiori si sono registrati in primavera, allo scoppiare dell'emergenza, e a cavallo della seconda ondata, dicembre, quando si è verificato un nuovo crollo dell'86,5% dei passeggeri. L'inizio dell'anno, vista la permanente situazione di insicurezza, non è stata di molto diversa: solo a gennaio i passeggeri a bordo sono stati meno 80mila, per un decremento dell'89%. 

 

 

 

AZIONI AGATOS: Anche nel caso di azioni Agatos non troviamo quella confortante confluenza di indicatori positivi, ma l'undicesima barra di fine febbraio sul mensile potrebbe aprire spiragli interessanti nonostante si stia parlando di un titolo con volumi pressoché irrilevanti. Agatos, società attiva nella costruzione di impianti per l'efficientamento energetico, è presente tra le tante aziende che hanno sofferto a causa della pandemia. Nel primo semestre 2020 (ultimo periodo di cui abbiamo i bilanci aggiornati) il valore della produzione è sceso del 53% e il risultato finale è stato negativo per 1,46 milioni di euro.

 

 

AZIONI BANCA GENERALI: L'ottava barra sul mensile, che inizia ad avvicinarsi a 13 e quindi a diventare interessante, risale a ieri e sul settimanale vediamo l'undicesima che risale a metà febbraio. Il 2020 per Banca Generali è stato tutto sommato positivo considerando il periodo: secondo i conti preliminari l'utile netto è cresciuto dell'1% e la raccolta netta è stata di 5,9 miliardi di euro (+14,3% rispetto all'anno precedente). Il management di Banca Generali ha deciso di non procedere al pagamento della seconda tranche del dividendo 2020, rilanciando la proposta di distribuire dividendi cash per oltre 385 milioni di euro pari a 3,30 euro per azione e corrispondenti ad un pay out del 70,5%.

 

 

AZIONI DELONGHI: Anche se la tredicesima barra sul mensile risale ad agosto, vediamo che nel settimanale è più recente e risale a metà febbraio, segno che qualcosa è appena iniziato. Il gruppo ha recentemente comunicato i risultati del 2020, chiuso con ricavi oltre alle aspettative e pari a circa 2,3 miliardi di euro (+12% rispetto al 2019). I vertici di Delonghi hanno dichiarato di aspettarsi, per l'anno in corso, la conferma del trend positivo degli ultimi 12 mesi e l'espansione dei ricavi.  

 

 

 

AZIONI INNOVATEC: Ancora una volta nessuna confluenza che ci renda felici, ma segnaliamo l'undicesima barra sul daily risalente a ieri. Il nuovo anno per Innovatec si è aperto con una novità e sappiamo quanto la Borsa ne sia ghiotta: intanto è stato disposto un aumento gratuito del capitale di 10 milioni di euro, e il consiglio di amministrazione ha comunicato la volontà di dimettersi. Per l'azienda, attiva nel settore dell'efficienza energetica, il 2020 non è stato dei più brillanti: il primo semestre dell'anno (ultimi dati a disposizione) si è chiuso con ricavi in flessione del 49% e l'utile netto si è ridotto da oltre 3 milioni a 278mila euro. 

 

 

AZIONI MONDO TV:  Volumi che non impressionano, ma citiamo azioni Mondo Tv per gli alti numeri recenti su daily, settimanale e mensile. Sul daily infatti ci troviamo adesso a 8, segnale che la storia potrebbe iniziare a farsi più interessante. La tredicesima barra sul mensile è di fine 2020, mentre la dodicesima sul settimanale risale a fine gennaio. Da inizio anno sono state tantissime le nuove sottoscrizioni di accordi in giro per il mondo. Gli ultimi dati che abbiamo a disposizione risalgono alla chiusura dei primi nove mesi del 2020, quando i ricavi hanno raggiunto i 19,4 milioni di euro (+0,5% rispetto allo stesso periodo del 2019). In miglioramento del 3% anche l'Ebitda e del 20% l'utile netto.

 

 



Top