CORAGGIO ! PARLANO I LETTORI !



Si parla di recessione incombente, si parla di patatrac tra patrimoniali e ritorno alla lira.

 

I mercati azionari non scontano un tale scenario almeno a metà aprile 2020 e la confusione aumenta a dismisura, quasi peggio ci trovassimo davvero con la seconda gamba del ribasso.

 

Eppure "ad ogni giorno basta la sua pena e al domani penserà il domani" (Vangelo Secondo Matteo).

 

O ancora "Ciò che è stato sarà e ciò che si è fatto si rifarà; non c'è niente di nuovo sotto il sole.

 

C'è forse qualcosa di cui si possa dire: «Guarda, questa è una novità»?

 

Proprio questa è gia stata nei secoli che ci hanno preceduto.

 

Non resta più ricordo degli antichi, ma neppure di coloro che saranno si conserverà memoria presso coloro che verranno in seguito" (Ecclesiaste).

 
Un giorno parleremo dell'era del Coronavirus come i nostri nonni parlavano della Grande Guerra o come mio padre raccontava la crisi del '29 o la ressurezione del 1946.
 
Abbiamo chiesto ai nostri lettori di scrivere due righe di incoraggiamento per gli altri lettori e perché no anche per loro stessi, di parlare della loro passione della borsa, dei traguardi raggiunti e di quelli che vorrebbero raggiungere, di questo giornale e di loro stessi.
 
Il comune denominatore di queste email che abbiamo ricevuto è uno solo: CORAGGIO !
 
Come il nostro Paese è caduto così di rialzeremo con rinnovata passione.
 
Ogni lettore è libero di aggiungere un suo pensiero mandando una email alla redazione dell'Indipendente di Borsa.
 
E gliene saremo grati. 
 
Se spesso il trading e l'investimento passano come mestiere solitari sono invece i settori dove la collaborazione è maestra.
 
Chi gioca da solo è perso.
 
Quindi davvero invitiamo tutti i lettori a parlare della loro passione di Borsa, dei loro obiettivi, dei loro errori e delle loro mosse vincenti.
 
Tutti abbiamo da imparare.
 
E solo in un luogo condiviso dove scambiare le esperienze è possibile crescere tutti insieme.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Top