Articoli

E se arrivasse il rally di Santa Klaus ?

E se arrivasse il rally di Santa Klaus ?

Pubblicato Lun 02 Dicembre 2019 - 00:19 da Emilio Tomasini Tag: Borsa

Il ragionamento tecnico è abbastanza fine ma tutto sommato rigoroso. Quando un mercato è iper-esteso al rialzo e deve ritracciare o invertire lo fa in maniera brutale, un po’ come se voi correndo andaste a sbattere contro un palo. Se viceversa il mercato arriva a un centimetro dal palo e poi si ferma ed inizia a ragionare come fare a superarlo ecco che in quel preciso momento sta mostrando il suo fianco scoperto: non ha nessuna intenzione di indietreggiare.

 

E’ quello che è successo al Ftse All Share in questi ultimi giorni e in queste ultime settimane. Arrivato a ridosso della resistenza delle resistenze, quella cioè posta a quota 26.890, il nostro mercato ha ritracciato, si è risollevato e quindi di nuovo ritracciato.

Ora come ora notiamo la costruzione di una congestione orizzontale proprio sotto la quota 26.890, costruzione che potrebbe tradursi in una fuoriuscita al rialzo o in una fuoriuscita al ribasso.

 

Se teniamo conto della stagionalità, ovvero del tradizionale rally di Santa Klaus, possiamo dire che il pendolo delle probabilità oscilla sempre più verso il rialzo.

 

E questo anche per una serie di ragioni tecniche tra cui non da ultima la pesante accumulazione di volumi che si sta manifestando su quasi tutti i titoli del listino.

 

Segnaliamo alcuni titoli meritevoli di attenzione da parte di investitori e traders e che noi abbiamo in portafoglio:

 

FALCK RENEWABLES: uncino quasi perfetto sul settimanale dove i prezzi portano via il massimo di periodo, i volumi sono fortissimi e la forza relativa ormai in rampa di lancio. Raddoppia ? I prezzi sono attratti dai massimi e il prossimo massimo è lassù in alto … in area 6 euro e oi in area 7.5 euro e quindi …

 

 

 

BASICNET: una azienda con un margine operativo del 15.23% nel 2018, un ROE del +23.57% nel 2018 e una sana situazione finanziaria con un interest coverage ratio di 30.79. Il ROIC è del 14.53% (tasso di rendimento delle attività aziendali) mentre il WACC (costo del capitale aziendale) di solo il 3.89% e quindi la differenza tra quanto rendono i soldi e quanto costano i soldi vi dà il polso del tasso di espansione dell’azienda.

 

 

DIASORIN: stiamo cavalcando selvaggiamente questo titolo da un po’ di tempo ma non è finita qui. Guardate la forza relativa in aumento costante dal 2017 ad oggi … il viaggio non è finito.

 

 

 



Scorri indietro
  • Algoritmica.Pro
  • quantoptions
  • Rendimento Fondi
  • Riuscireinborsa.it
  • Lombardreport.com
Scorri avanti
Top