Articoli

Il Covid-19 ha cancellato 3 anni di progressi economici in Cina

Il Covid-19 ha cancellato 3 anni di progressi economici in Cina

Pubblicato Lun 29 Giugno 2020 - 10:38 da Matteo Bertoni Tag: Borsa

“Un rapido ritorno alla normalità economica dopo il colpo dato dalla pandemia di coronvirus, se la Cina è un indicatore, non è nelle carte” questo è ciò che pensa dice Leland Miller CEO del China Beige Book.

La sua analisi passa dal rapporto del secondo trimestre pubblicato da China Beige Book (CBB) che mostra "un'economia ancora impantanata in una profonda recessione".

Per fare questa analisi sono stati utilizzati i dati di oltre 3.300 società cinesi e 160 banche in 34 settori in tutto il paese come materiale di base. Lo studio mostra come la maggior parte degli indicatori di attività commerciale sono "in forte calo" rispetto a un anno fa, anche se il secondo trimestre mostra un lieve miglioramento rispetto al precedente periodo di tre mesi.

Tra i punti salienti del secondo trimestre è rilevante osservare come solo il 22% di tutte le imprese abbiano chiesto un prestito nonostante le difficili condizioni economiche e nonostante da un decennio a questa parte i tassi di interesse bancari siano al livello più basso. 

 Il CBB ha anche notato disparità regionali nei risultati del secondo trimestre. Le aree a forte esportazione sono ancora in contrazione, così come i profitti delle aziende con sede a Pechino. "Una forte contrazione degli ordini esteri (a Shanghai) e quasi ovunque illustra quanto profondamente lo shock della domanda globale abbia turbato l'economia" hanno scritto gli analisti. "La Cina non può tornare alla normalità fino a quando le sue regioni di maggiore potenza economica non si riprenderanno."

Gli unici segni di vita durante il trimestre sono stati tra le imprese di costruzioni di trasporto, che hanno riportato aumenti di fatturato, dei profitti e di accesso al credito. 

In tal caso sarebbe un passo indietro. I cinesi hanno riconosciuto per anni - in parte grazie alle critiche occidentali - che hanno bisogno di cambiare la propria economia per concentrarsi sul settore dei servizi, ha spiegato Miller, e hanno gestito questa transizione in modo efficace dal 2017.

"Hanno bisogno di costruire investimenti più produttivi e lo sanno", ha detto. “Ora, per la prima volta da anni, assistiamo a un grosso recupero nella costruzione dei trasporti, che indica che ora sono così preoccupati per la crescita che sono disposti a invertire la propria posizione. Sarà un ritorno al loro vecchio playbook di costruire ponti verso il nulla e le città fantasma? ”

Chiunque sia interessato alla politica o ai mercati della Cina deve prendere sul serio la possibilità di un'inversione verso un'economia focalizzata sulla produzione”, afferma Miller. 

Fino a quando l'economia cinese non si riprenderà completamente il resto del mondo deve aspettarsi una minore domanda di  materie prime, per non parlare di una catena di approvvigionamento interrotta, secondo Miller.

"Non vedremo la crescita cinese tornare a qualcosa di simile ai tassi precedenti", se anche il resto del mondo non migliorerà, ha aggiunto.



Scorri indietro
  • Rendimento Fondi
  • Riuscireinborsa.it
  • Lombardreport.com
Scorri avanti
Top