Articoli

Il ranking automatico di Piazza Affari #1: Openjobmetis

Il ranking automatico di Piazza Affari #1: Openjobmetis

Pubblicato Gio 08 Aprile 2021 - 20:02 da Ilaria Ferrari Tag: Borsa

Un paio di settimane fa ha debuttato sull’Indipendente di Borsa il ranking automatico delle migliori azioni di Borsa Italiana basato su parametri di analisi tecnica e fondamentale (https://www.emiliotomasini.it/analisi-tecno-fondamentale-delle-azioni-ranking-automatico-borsa-italiana/).

 

Si tratta di una classifica dei titoli di Piazza Affari secondo un simil-CANSLIM, la rinomata strategia di growth investing del fondatore dell’Investor's Business Daily William O’Neil.

 

Le azioni growth vengono solitamente identificate da elevati rapporti P/E (price earnings) e P/BV (price-to-book value). Poiché il prezzo a livello teorico non è altro che il valore attuale dei futuri cash flows di pertinenza degli azionisti, ipotizzando che esso sia fair, la valutazione del mercato incorpora stime particolarmente positive circa il futuro della società in questione.

 

La strategia CANSLIM di William O’Neil si fonda proprio sulla scelta di titoli con prospettive di crescita nel breve periodo superiore alla media.

 

Di seguito una veloce rassegna dei criteri di scelta del CANSLIM “originale” e dei corrispondenti indicatori nell’analisi tecnico-fondamentale dell’Indipendente di Borsa (d’ora in poi “ATF”).

 

C (Current Quarterly Earnings):aumento a/a degli utili trimestrali correnti ≥25%

ATF:aumento a/a degli utili trimestrali correnti (colonna “% TRIM”)

 

A (Annual Earnings Growth): crescita utili annuali ≥25% negli ultimi 3 anni

ATF:crescita annuale utili per azione (colonna “% ANN”)

 

N (New Product, Service, Management or Price High):aziende con prodotti e servizi nuovi e rivoluzionari, nuovo CEO o nuova tendenza del settore a vantaggio dell'azienda, nuovo prezzo massimo

ATF:distanza percentuale dal massimo a un anno (colonna “MAX”)

 

S (Supply and Demand):accumuli di volumi elevati, in particolare da parte di investitori istituzionali

ATF:controvalore medio scambiato negli ultimi 21 giorni/capitalizzazione (colonna “CONTR/CAP”)

 

L (Leader or Laggard):azioni leader in settori leader, che mostrano una crescita degli utili e delle vendite superiori rispetto ai loro comparables

ATF:indicatore che esprime il momentum dell’azione (colonna “ROC”)

 

I (Institutional Sponsorship):gli investitori professionali, come fondi comuni di investimento e fondi pensione, rappresentano circa il 75% di tutta l'attività di mercato

ATF:percentuale delle azioni in circolazione possedute dagli insider e dagli investitori istituzionali (colonna “INSIDER”)

 

M (Market Direction):nuovi acquisti solo in una tendenza al rialzo del mercato, azioni difensive quando il mercato inizia a indebolirsi

ATF:ultima chiusura superiore alla media mobile semplice a 200 giorni (colonna “TREND”)

 

A ciascuno dei sette indicatori viene assegnato un punteggio da 0 a 100, quindi dalla media equi pesata viene estratto l’indicatore sintetico denominato “ATF index”.

 

Scorrendo la classifica dal vertice, saltando le azioni con alcuni indicatori non disponibili, quelle già analizzate in passato e quelle che recentemente sono state oggetto di OPA (ASTM e Credito Valtellinese), il primo titolo che si incontra è Openjobmetis, con un ATF index pari a 74.

 

Openjobmetis è uno dei principali operatori nel mercato italiano della somministrazione di lavoro, oltre ad offrire servizi di ricerca e selezione del personale, servizi di formazione e di outplacement (ricollocazione professionale).

 

La capogruppo Openjobmetis S.p.A. si occupa principalmente di somministrazione di lavoro generalista. Il Gruppo, poi, opera attraverso diverse società controllate specializzate in diverse attività/segmenti legati al job placement:

- Openjob Consulting Srl: formazione somministrati;

- Lyve Srl: formazione del personale;

- Family Care Srl - Agenzia per il Lavoro: specializzata nella somministrazione di assistenti familiari dedicati ad anziani e persone non autosufficienti;

- Seltis Hub Srl: ricerca e selezione di personale (con focus su middle e top management) ed in head hunting digitale;

- HC Srl: ricollocazione professionale individuale e collettiva, formazione manageriale;

- Jobdisabili Srl: reclutamento on line di persone con disabilità e appartenenti alle categorie protette.

 

Fonte: Evaluation.it

 

Il Gruppo gode di un’ottima redditività: il ROE si è mantenuto stabilmente sopra il 10% negli ultimi cinque anni.

 

Nel 2020 i ricavi hanno subito un’importante flessione (-43% rispetto al 2019 nel mese di aprile), principalmente a causa degli effetti della pandemia da Covid-19. Tuttavia, già nella seconda parte dell’anno c’è stato un significativo recupero: Q4 2020 in linea con il Q4 2019 (-0.7%).

 

Un dato interessante è che tutte le società del Gruppo hanno visto un crollo dei ricavi tranne Family Care Srl, che ha visto aumentare i ricavi del 40.9%.

 

Il business legato all’assistenza familiare intercetta il megatrend legato all’invecchiamento demografico.

 

A questo proposito la società ha indicato come future aree di sviluppo dei propri servizi la fisioterapia e i sistemi domotici, il trasporto assistito, l’assistente familiare di condominio, il noleggio di attrezzature sanitarie.

 

Fonte: Presentazione Virtual Star Conference - 6 ottobre 2020

 

Il titolo, quotato sul segmento STAR di Piazza Affari, a metà marzo ha spinto il piede sull’acceleratore (+17.63% in cinque giorni) in seguito alla diffusione dei risultati 2020 e alla conferma del giudizio buy da parte di Intesa Sanpaolo ed Equita SIM, con aumento del target price rispettivamente a 9.8€ (da 9.3€) e a 11.3€ (da 11.0€).

 

Il margine di crescita è confermato anche da un modello di valutazione DCF indipendente, che fissa il fair value attorno a 10.14€ (potenziale di upside del 17.09%).

 

Dal punto di vista grafico, in questo momento è in formazione un uncino appena sotto il massimo del 23 marzo, per cui il timing di ingresso, come già segnalato dal Dr. Tomasini nei giorni scorsi, è perfetto.

 



Top