Articoli

Investire nel lusso, quali tendenze?

Investire nel lusso, quali tendenze?

Pubblicato Lun 08 Marzo 2021 - 07:56 da Stefano Bonini Tag: Borsa

Sono passate tre settimane da San Valentino, vi ricordate come lo avete passato?

 

In piena pandemia immagino che molti, come me, abbiano organizzato una cena un po' più carina in casa, aprendo magari un vino di categoria superiore.

 

Un personaggio come Michael B. Jordan, l’attore di “Creed” (il sequel di Rocky), ha affittato un acquario e disseminato il pavimento di petali rosa; l’intera stampa internazionale ha parlato della stravaganza romantica, ma è del regalo di cui si parla ancora.

 

L'innamorato Mr. Jordan ha dato alla sua fidanzata, Lori Harvey, un regalo di Hermés, ma non l’iconica borsa, bensì un pacchetto di azioni.

 

Pandemia, lockdown e coprifuoco hanno frenato gli acquisti di moda di consumo principalmente perché non hai un posto dove poter mettere in mostra l’oggetto di lusso; allora l’acquisto di azioni di quegli stessi brand diventa uno sbocco, sostiene Victor Wang, il CEO della piattaforma Stockpile.

 

Gli analisti stanno osservando che questo fenomeno è sensibilmente in crescita tra gli appassionati di moda, i quali diventano così investitori non tradizionali preferendo azioni di grande case di moda all’acquisto di una borsa o di un gioiello delle stesse.

 

Del resto se sei appassionato di moda e di brand come Hermes o Luis Vuitton, informarsi sui loro andamenti può anche diventare interessante.

 

In questo contesto l’investimento diventa quasi una cosa tribale, infatti i (e le) fashioner si fanno guidare spesso di più dalla connessione emotiva con un brand, dal design, dalla qualità piuttosto che dai fondamentali economico-finanziari.

 

Il desiderio di essere parte di qualcosa, anche essendo tutti seduti nelle nostre case lontano “dal gruppo”, ci fanno affiliare a certe tribù, cioè seguire certe mode.

 

E la moda in borsa, così come nei cocktail party, è guidata da Hermès, VF Corporation (il brand Supreme) e LVMH, la società madre di marchi come Louis Vuitton, Dom Pérignon e da poco anche di Tiffany & Co.

 



Top