Articoli

Un nostro lettore era ricco, aveva tanti soldi a Londra, ma non sono mai arrivati sul suo conto corrente

Un nostro lettore era ricco, aveva tanti soldi a Londra, ma non sono mai arrivati sul suo conto corrente

Pubblicato Ven 12 Febbraio 2021 - 17:38 da Arianna Mantovani Tag: Borsa

Alcuni giorni fa un nostro lettore ci ha segnalato una truffa finanziaria in cui purtroppo è incappato con tutte le scarpe … 

 

La società in questione è una LTD inglese, una società di capitali di tipo privato per intenderci, la quale offriva il più ricercato tra i servizi: LA RICCHEZZA FACILE.

 

Il  nostro lettore si è rivolto a questo fantomatico broker, attraverso un annuncio pubblicitario reperito su Amazon, della serie:  “voglio ricevere un pacco e lo ricevo davvero!”.

 

Perdonate il tono canzonatorio  con cui si sta affrontando l’argomento, ma  a volte fare ironia su accadimenti gravi come questi,  può risultare un modo più immediato e diretto per metterci in guardia da situazioni che potrebbero davvero stravolgerci la vita in negativo, se non addirittura rovinarvela irrimediabilmente.

 

Torniamo alla nostra vicenda; dopo essere entrato in diretto contatto con la società di investimento attraverso la procace segretaria di turno, il signore che ci ha contattato ha iniziato ad investire i suoi risparmi nell’estate dell’anno scorso ed in pochi mesi il miracolo è accaduto… a dicembre gli sono stati bonificati 650.000 euro! Il ricco frutto del rendimento dei suoi risparmi.

 

E fin qui direte… dove sta la truffa?

 

Ebbene cari lettori questi soldi non sono mai arrivati sul conto corrente del nostro malcapitato, il bonifico era partito, come confermava la procace sergretaria, con tanto di contabile alla mano, ma purtroppo non era mai arrivato.

 

Non solo, ogni tentativo che è stato fatto successivamente di contattare la società e addirittura la banca con la quale sarebbe dovuta avvenire  la transazione è stato vano; non esisteva più nulla, né i soldi dati dal risparmiatore né i truffatori, come nel peggiore degli incubi, da cui però non ci si può svegliare un po’ sudaticci nel proprio letto e tirare un sospiro di sollievo.

 

Le domande che dovremmo porci dopo questa storia sono molteplici, ma sicuramente dovremmo partire esaminando una semplice e monolitica questione: E’ davvero possibile fare soldi on line?

 

Soprattutto per chi ha una certa età, magari anche solo come noi, parlare di guadagnare soldi on line, scaturisce inizialmente reazioni di stizza, date soprattutto dalla poca dimestichezza con lo strumento internet e quindi, o si è totalmente avversi all’idea, oppure se ne viene incuriositi e ci si affida, ahimè troppo spesso,  a veri e propri squali mangia soldi che non aspettano altro che istruirvi su come diventare Warren Buffett in pochi mesi.

 

Si viene allettati da tante parole ben disposte l’una appresso all’altra, magari ci si fa affabulare da una signorina che fa le veci del broker e non capendo nulla di investimenti e su come guadagnare davvero on line ci si affida senza troppe verifiche al primo bontempone che ci capita a tiro.

 

Mi duole dire che se il signore avesse fatto una verifica semplice ed accessibile a chiunque, andando sul sito della Consob, nella sezione avvisi ai risparmiatori (https://www.consob.it/web/area-pubblica/avvisi-ai-risparmiatori?viewId=ultime_com_tutela), e avesse digitato il nome della società truffaldina, avrebbe subito scoperto che si trattava di un broker segnalato già nel 2019.

 

Rispondendo alla monolitica domanda di prima, fare soldi on line è possibile certo, ma tutto dipende dal nostro buon senso perché maturare interessi stratosferici in pochi mesi  non è così semplice come sembra, anzi! 

 

Finché non ci rendiamo conto che i risultati arrivano con il tempo e la dedizione nell’imparare come far maturare i nostri risparmi e se non impariamo  ad affidarci a chi ci insegna realmente come guadagnare  senza prometterci ville a Miami e Lamborghini in pochi mesi, allora non possiamo lamentarci dei truffatori che ci dilapidano tutto.

 

Se la nostra mentalità è direzionata nel guadagnare soldi on line facilmente e senza sforzo, la colpa è un pochino anche nostra;  ce le andiamo proprio a cercare!

 

Ma come in ogni storia che finisce male, possiamo trarne un insegnamento.

 

Confessiamo di esserci trovati in difficoltà a rispondere al lettore che ci chiedeva cosa fare: purtroppo non c'è niente da fare, Oscal Wilde diceva che la Borsa serve a separare gli allocchi dai loro soldi. Vista la latitudine del broker non puoi consigliargli nemmeno l'avvocato, ammesso e non concesso che in questi casi l'avvocato possa servire a qualcosa, perché la società è cipriota e la giustizia a Cipro funziona come quella di Crotone, cioè non funziona.

 

Attenti quindi a guadagnare soldi on line, soprattutto se è "facile" e "rapido".



Top