Articoli

Come te non c'è nessuno: lunga vita alle rotture dei massimi nonostante un indice stanco

Come te non c'è nessuno: lunga vita alle rotture dei massimi nonostante un indice stanco

Pubblicato Mer 19 Maggio 2021 - 09:02 da Emilio Tomasini Tag: Borsa
Brutta la chiusura di ieri sera sul Ftse All Share e brutta soprattutto l'apertura.
 
Thomas Demark impallidirebbe di fronte ad un breakout dei massimi avvenuto come è avvenuto ieri ovvero con l'apertura e poi il ritracciamento.
 
Il prezzo di apertura quando è di molto SOPRA la resistenza e poi chiude in basso significa che siamo di fronte ad una trappola per tori.
 
Questo è il quadro dell'indice, poi a livello di singole azioni se andiamo a vedere quelle vicine ai massimi storici troviamo delle occasioni.
 
Un nuovo viaggio nel paese delle meraviglie, l'Olimpo del trading: i massimi storici. Vediamo le novità che si affacciano all'inizio di questa settimana rispetto all'ultimo articolo pubblicato su questo tema e consultabile al link https://www.emiliotomasini.it/azioni-migliori-massimi-storici-rottura-massimi-azioni-italiane-2/
 
AZIONI SESA: Il grafico di azioni Sesa ci mostra che dopo una caduta ci si può sempre rialzare. Il crollo avvenuto lo scorso anno a causa della pandemia, infatti, per il titolo si è presto trasformato in una scalata rialzista che ha ripetutamente rotto i massimi. I volumi, fatta eccezione per qualche sprazzo sporadico, risultano nella media. E' di questa mattina la notizia che Sesa ha acquisito il 60% di Cadlog Group (azienda di Milano con ricavi di 15 milioni di euro) e il 100% di Cimtec (rivaci per 2 milioni). Il gruppo ha chiuso i primi nove mesi dell'anno 2020/2021 (la chiusura annuale è stata in aprile e siamo ancora in attesa dei risultati) con ricavi per 1,53 miliardi di euro, +14,1% rispetto all'annualità precedente. 
 
 
AZIONI REPLY: La rottura dei massimi per azioni Reply è di ieri e, anche se oggi i prezzi si sono leggermente abbassati, possiamo pensare che il rialzo continuerà ancora per qualche tempo (la spinta derivante dalla lunga congestione di fine 2020 / inizio 2021 potrebbe non essersi ancora esaurita). Volumi immobili ormai da tempo, ma comunque presenti. La società ha recentemente comunicato i risultati dei primi tre mesi dell'anno in corso, chiusi con ricavi per circa 352,4 milioni di euro (+11,2%) e l'Ebitda passato da 47,62 milioni a 59,6 milioni di euro. 
 
 
AZIONI CNH INDUSTRIAL: Giorni importanti per azioni CNH Industrial,che hanno fatto un balzo di prezzo rompendo i massimi storici. E' di ieri la notizia che la società ha annunciato di voler procedere all'emissione di un bond da parte della controllata CNH Industrial Capital con l'intenzione di utilizzare i proventi per soddisfare i fabbisogni del capitale circolante e le esigenze aziendali. Oggi è stato definito il pricing per l'emissione del prestito, pari a circa 600 milioni di dollari. CNH Industrial ha anche recentemente comunicato i risultati del primo triennio 2021, caratterizzato da ricavi e redditività in aumento. I ricavi, passati da 7,47 miliardi a 5,46 miliardi di dollari, sono cresciuti del 37% e il risultato operativo adjusted delle attività industriali ha raggiunto i 545 milioni di dollari (il primo trimestre del 2020 erano stati 148). 
 
 
AZIONI BRUNELLO CUCINELLI: Dopo la congestione di inizio anno, azioni Brunello Cucinelli si mostrano ancora al rialzo, con la rottura del massimo fresca di giornata. Peccato per i volumi che non si riprendono e sono inferiori a quelli degli scorsi anni. L'azienda a fine aprile ha comunicato i risultati dei primi tre mesi dell'anno in corso, che evidenziano un giro di affari in crescita di oltre il 5% (da 156,7 milioni a 164,6 milioni di euro). Per il 2021 i vertici di Brunello Cucinelli stimano una crescita di fatturato tra il 15 e il 20%. 
 
 
AZIONI PORTOBELLO: Cosa sia successo ad azioni Portobello per il momento non si sa, ma una cosa è certa: sta funzionando. I prezzi sono aumentati, da marzo ad oggi, di oltre il 200% e i massimi continuano a rompersi facendoci domandare quando finirà la scalata. L'ultima notizia su Portobello che abbiamo a disposizione, di marzo, riguarda i risultati dell'esercizio 2020. Il periodo si era chiuso con ricavi e proventi per 64 milioni di euro (+39%) è il risultato netto era salito da 4,8 a 6 milioni di euro. 
 
 
AZIONI FINE FOODS & PHARMACEUTICALS: Grafico tutto sommato sporco e turbolento, ma che evidenzia un elemento che attrae la nostra attenzione: il cambiamento avvenuto a fine aprile, la botta rialzista che ha provocato la rottura dei massimi. Precisando che si tratta di un'azienda a bassa capitalizzazione (troppo bassa per stregarci davvero), è importante notare che qualcosa è in movimento. La società il 30 marzo ha comunicato i risultati del 2020, chiuso con ricavi per quasi 172 milioni di euro (+8%). A fine anno la posizione finanziaria netta è risultata positiva per 53,76 milioni di euro a fronte dei 42,97 di inizio anno. 
 
 
AZIONI INTRED: Chiudiamo l'articolo di oggi con azioni Intred. Il grafico è un piacere da guardare, non fosse per i volumi inesistenti e prezzi che, anche se al rialzo, non ci fanno venire fame. Il trend rialzista, ad ogni modo, è iniziato all'inizio del 2020 e non si è mai fermato, il chè rende il titolo più interessante di prima. L'operatore di telecomunicazioni a inizio mese ha comunicato i risultati relativi al primo triennio 2021. Il periodo si è chiuso con ricavi per 9,4 milioni di euro, in crescita del 10% (crescita che potrebbe perdurare anche nel prossimo futuro). 
 
 


Top